La vita

Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

Salvatore Quasimodo

mercoledì 16 maggio 2012

Alla mia amica

......e  anche  nel 2005     MAGGIO  arrivò

Per  una  settimana di questo nuovo mese   mi  sono  trasferita  a  Crotone,  Giuseppe  è al lavoro  ed io mi dedico al mio tempo libero,  faccio la  turista,  scrivo,  ricamo,  alloggiamo in un bel residence  in riva  al mare.
 La  primavera  qui  è già  arrivata  da tempo e  con mia  grande  sorpresa, ho visto per la prima  volta  gli eucalipti  fioriti, bellissimi alberi,  maestosi  nella loro  struttura  longilinea  e  argentea,  mi trovo in spiaggia  sola, non  passa  nessuno, situazione ideale per  appropriarsi  e ascoltare  il silenzio,  il mare calmo e il cielo  sono un tutt’uno: blu  zaffiro,  l’atmosfera tersa  nemmeno un alito di vento, insomma  una  calma  piatta.
Alle  mie  spalle   una  cascata  di  fiori di mille  colori  segno  della  primavera  ormai  nel pieno,  nessun  uccellino  però  vi  svolazza  ancora  sopra,  forse  sono  ancora  nei  loro  nidi.

Mi  siedo  in riva  al mare  sulla  sabbia  bagnata,  quasi  l’acqua  arriva  a toccarmi i piedi……quante volte Terry  abbiamo  parlato del  nostro mare?  Tu  a Portovenere  io  a  Gabicce,  quanti  ricordi  della nostra adolescenza  sono  rimasti  in quei  luoghi, era  bello ricordare  forse  anche  con una  punta  di  rammarico  per  la  sensazione  di  non aver  vissuto in  piena  consapevolezza  quei  momenti, quegli amori  sbocciati  e appassiti  nel breve  spazio  delle  vacanze…..

 Ma ..   e  ora  dove  sei?
 Da   amica, però,  potresti  mandarmi un segno  della  tua  presenza, così posso, anche solo    temporaneamente  mettermi l’animo in pace,  saperti  nella luce,  nell’aria, nella libertà.

E’ in quel momento  che mi si presenta davanti,  a pochissima  distanza, una  RONDINE ,  volava  tanto vicino  che  quasi   sfiorava  me  e l’acqua,  con un battere  d’ali  lento  e ritmato  fa alcuni giri
e  come  è  arrivata  si allontana  nel  sole  e nel mare  verso il  promontorio di Capo Colonna.
Per  me  è  stata una  grande  emozione  solo  quella  rondine  c’era,  nessun’altra  rondine la  accompagnava,  nessun altro  uccello  di mare o di terra  nel  raggio del  mio vedere c’era in quel  momento.

Allora ho tratto  una  conclusione   molto  emozionante  sono  sicura  che  quella  Rondine, Terry  eri tu……!

Grazie  Terry  Amica  mia

11 commenti:

teoderica ha detto...

...e se fosse proprio vero?

Ambra ha detto...

Quanto è commovente il tuo racconto così malinconico e poi però pieno di fiducia verso qualcosa che poteva essere un messaggio della tua amica.
A presto a Santarcangelo.

Melinda ha detto...

Dolce civetta, se avevi bisogno di sentirla vicina, sono certa che Terry era lì, in quella rondinella.
Buone vacanza turista canterina :D

ivana ha detto...

E'davvero emozionante questo tuo racconto .

Paola ha detto...

Un dolcissimo post! Come te, penso che quella rondine fosse Terry... Hai chiesto un segno e lei è giunta a te, sfiorando ti quasi in volo! Perché non potrebbe essere lei, la tua cara amica?
Ti invio cari saluti

Tiziano ha detto...

Commovente racconto a volte basta crederci: e sogni e fantasie
si avverano
buona giornata e buon a vacanza.

max ha detto...

Ti ha ascoltato è ha mandato una rondine a dirti che ti vuole ancora bene.... Un abbraccio

stella dell 'est ha detto...

Proprio bello questo racconto.Buona serata,ciaoooooooooo

Alessandra ha detto...

Un bel racconto, Patrizia! Un po' malinconico, ma....chissà se quella rondine.... Grazie a te e Giuseppe per la piacevole compagnia!

Erika ha detto...

Grazie Civetta della tua visita.. Mi dispiace per quello che è successo alla tua regione. Molto bello questo tuo diario di una giornata trascorsa in riva al mare.
Buona vita.
erika

doretta castelli ha detto...

Che sensibilità,cara civetta! Condivido in pieno questo tuo sentire perchè a me piace tanto crederci......